Life Pensieri sul procrastinare

gennaio 7, 2019by Amalia Martini0

 

Pensieri sul procrastinare

Pensieri sul procrastinare
Rimanda a domani solo ciò che saresti disposto a lasciare incompiuto morendo. Pablo Picasso.

Ho fissato lo schermo di questo computer cercando l’inspirazione, poi ho controllato il mio Facebook e sono tornata a fissare ancora lo schermo vuoto. Infatti, solo la menzione di Facebook ha rinvigorito il mio desiderio di controllarlo di nuovo (questa volta sono stata in grado di resistere).

È divertente quanto facilmente possiamo essere distratti da pensieri semplici quando abbiamo paura di continuare con qualcosa o addirittura di iniziare qualcosa. È molto più facile dirci che alla fine ci arriveremo – e crediamo sinceramente che lo faremo – ma finiamo per spazzarlo sotto il tappeto.

Finire di fare le cose

Nonostante la mia incapacità di fare le cose senza almeno un po’ trovarmi a procrastinare mentre lavoro al progetto, il mio punto di vista su come iniziare e finire le cose è in linea con qualcosa che disse una volta Pablo Picasso: “Rimanda a domani solo ciò che saresti disposto a lasciare incompiuto morendo.”

“Tu puoi rimandare, ma il tempo non lo farà”
Benjamin Franklin

In effetti, sono sicuro che molti di noi si sentiranno in questo modo. Comprendiamo tutti l’importanza di portare a termine un compito e tutti noi capiamo che tale compito molto probabilmente non sarà completato a meno che non ci prendiamo il tempo per completarlo.

Raramente torniamo a casa per trovare un tema che stiamo rimandando magicamente completato. Raramente andiamo a lavorare per scoprire che non abbiamo niente da fare perché è già stato fatto per noi. Raramente il grande lavoro viene scritto senza lo scrittore.

Storicamente “il procrastinare” è stata visto come una cosa negativa, sia dal punto di vista teologico che sociale. Però, in alcuni punti della storia (in particolare nella cultura francese aristocratica dei secoli XVII e XVIII) il non fare le cose era considerato il culmine di “obiettivi” gentilizi.

Noi procrastinatori cerchiamo delle scuse per non fare le cose il più spesso possibile. Queste scuse vanno dal semplicistico (cioè “Non posso finire questo lavoro adesso adesso perché sono malata”) ai pazzi (cioè “Non posso scrivere questo report che potrebbe costarmi il lavoro perché devo giocare con i miei gatti tutto il giorno”).

Il semplice fatto è che, se il compito è facile e poco importante o complesso e molto importante, di solito abbiamo il tempo di farlo o, per lo meno, la possibilità di dedicare del tempo a farlo.

Smettila di esaltarti convincendoti che non puoi correre perché non hai il tipo giusto di scarpe o che non hai abbastanza tempo per lavorare su quel libro che hai sempre voluto scrivere. È probabile che ci sia un negozio di scarpe proprio in fondo alla strada. Le probabilità sono che il motivo per cui non hai abbastanza tempo durante il giorno è perché ne passi una buona parte guardando le repliche di Amici o sprofondando in Game of Thrones.

Quindi chiediti cosa è più importante: cosa è successo a Tyrion questa settimana sul mio programma preferito? O … dove potrei essere se mi sedessi per iniziare a scrivere quel libro?

Vedi, le scuse sono solo questo: scuse. È definito come “liberare da un obbligo o da un dovere”. Le scuse sono state create per incolparsi di non fare qualcosa o di fare qualcosa di sbagliato e di rimuoverlo da noi stessi.

Abbiamo un maggiore controllo sulla nostra vita di quanto molti di noi amano credere e questo è il motivo per cui abbiamo bisogno di prenderci il tempo per pensare e ragionare su come possiamo fare le cose piuttosto che abbandonarle ostinatamente.

È ora che diventiamo un po’ più ostinati a perseverare e un po’ meno ostinati a rinunciare.

Amalia Martini

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *